Le Guide di Viaggio Scopri e vivi il territorio con Viatoribus

Costa degli Etruschi. Toscana mediterranea

Titolo: Costa degli Etruschi. Toscana mediterranea
Autore: Enrico Caracciolo (Traduttori: Nezval S.; Mahan M.)
Prezzo di copertina: € 12
Dati: maggio 2015, 160 pagine, brossura, copertina in 2 versioni
Editore: Ediciclo (Collana: Le Guide di Viatoribus)
Acquista online: ibs.it; Amazon; laFeltrinelli;

Ecco la Toscana che respira il Mediterraneo, graffiata dal libeccio e accarezzata dal sole. L'anima selvaggia della Maremma, il DNA degli Etruschi, la poesia di un territorio aperto verso il mare e rivolto verso le colline del metallo e le ondulazioni delle Terre di Siena. Al di là di etichette e slogan ecco le chiavi per scoprire l'anima di luoghi e persone che fanno della Costa degli Etruschi un laboratorio ideale per viaggiatori. Terra di vini nobilissimi e leggendari è anche il luogo di vignaioli che danno meno importanza alle etichette per privilegiare il lavoro prima in campo, poi in cantina. Nonché terra extravergine come il suo olio che esprime l'essenza di quest'angolo di Toscana. Le strade e sentieri della Costa degli Etruschi sono quelle che sogna ogni viaggiatore, poi se vi piace pedalare siete in Paradiso. Se invece vi piace camminare o passeggiare ci sono sentieri e spiagge chilometriche da vivere in solitudine, d'inverno e anche in piena estate. Provare per credere. Piazze e vicoli, bar o osterie di piccoli borghi sono i luoghi che riportano alla dimensione umana della provincia italiana. Siccome chi viaggia vuole stare bene ecco l'abbraccio caldo e liquido di questa terra che, soprattutto quando fa freddo, offre un lago naturale e sorgenti immerse nel verde. E se è vero che l'appetito vien viaggiando ecco i suggerimenti per sperimentare prodotti, ricette e sapori autentici: miele che profuma di Macchia mediterranea, la ricotta calda del pastore, il liquore prodotto nell'antica fabbrica, il pescato del giorno in riva al mare, il pane appena sfornato fatto con grani antichi. E se di shopping non se ne può fare a meno ecco il sarto, il "pellaio" e il giocattolaio.